I versi Aurei di Pitagora

I versi Aurei di Pitagora - Esoterismo, la via della filosofia ermetica, Magia, 666, 999, 666999, 666999.1, parlo senza invidia, Illuminati, Iniziati

Vai ai contenuti

Menu principale:

I versi Aurei di Pitagora



I versi Aurei di Pitagora



* * *
PREPARAZIONE

Venera gli Dei immortali, di tutte le religioni,
ma rispetta il giuramento della tua fede, onora la memoria
degli incliti eroi, e degli spiriti illuminati.

PURIFICAZIONE
Sii buon figlio, giusto fratello, tenero sposo e buon padre.
Scegli per tuo amico chi, tra tutti, è ottimo per virtù,
istruisciti per suo mezzo, cedendo ai suoi dolci consigli.
Non odiare il tuo amico per un leggero torto
sino a quando tu lo possa; poichè una legge severa
unisce la Potenza alla Necessità.
Sappi ciò adunque, ed abituati a soggiogare le tue folli passioni.
Sii sobrio, attivo, combatti la libidine, ed evita la collera.
Non commettere atti turpi, né in pubblico, né in segreto.
Abbi il massimo rispetto di te stesso.
Sii ossequiente alla Giustizia negli atti e nelle tue parole.
Non parlare e non agire senza matura riflessione.
Ricordati che un potere invincibile stabilisce di morire,
che le ricchezze e gli onori facilmente acquistati, facilmente si perdono.
Ben gravi mali e dolori porta seco il Destino;
giudicali per quelli che sono; sopportali e taci,
rimediavi per quanto puoi, e rifletti
che Dio non manda i più forti dolori agli uomini di buona volontà.
Come la Verità, anche l'errore ha i suoi seguaci.
Il filosofo approva o biasima con tutta prudenza,
e se la menzogna trionfa, egli si allontana, ed aspetta.
Quello che ti dirò, sia ben radicato nel tuo cuore:
nessuno né colla parola, né coll'opera ti persuada
a fare, né a dire ciò che per te non è veramente buono.
Prendi consiglio, ma delibera e scegli liberamente,
lascia i folli agire senza scopo e senza causa.
Tu devi nel presente, contemplare l'avvenire.
Ciò che non conosci, non fare, ma impara
ciò che è necessario: tutto dipende dalla costanza e dal tempo.
Veglia sulla tua salute, conviene usare moderazione
nel bere, nel cibo e riposo allo spirito.
Abituati ad avere un vitto puro, non raffinato
e astieniti dal fare cose, che attirano l'invidia:
In tutte le cose bisogna attenersi al giusto ed al buono.
Non spendere oltre la giusta misura quando non sai fare cose buone.
Non essere avaro, in ogni cosa è ottima la moderazione.

PERFEZIONE
Che giammai il Sonno chiuda i tuoi occhi stanchi
senza aver esaminate le opere da te compiute nel giorno:
Che cosa ho trasgredito? che feci? quale dovere non compii?
Esamina accuratamente le tue azioni dalla prima,
e quindi delle cattive rampognati, e delle buone rallegrati.
Ciò sforzati di fare quale esercizio, ed è in seguito te ne compiacerai.
Questo mio consiglio ti porrà sulle orme delle Divine Virtù.
Io te lo giuro per Colui che alberga nei nostri cuori:
per la Tedrade Sacra, simbolo immenso e puro, fonte perenne della Natura.
E prima d'incominciare qualsiasi opra, la tua anima, fedele al dover suo,
invochi con fervore gli Dei, e ne chieda il soccorso per il compimento dell'opera che vai ad intraprendere.
Guidato da Essi, così solo alcun male ti coglierà:
Degli esseri diversi, scrutando, sonderai l'essenza;
e conoscerai il colegamento delle cose, come ogni cosa trapassi e come sia governata.
Tu saprai, se lo vuole il Cielo, che la Natura,
simile in tutte le cose, è la stessa in tutti i luoghi;
in modo che, edotto dei tuoi veri diritti,
il tuo cuore non serberà traccia di vani desiderii.
Tu imparerai che i mali, che affliggono gli uomini,
sono il frutto della loro condotta, e che questi infelici
cercano, lontano da essi, quei beni dei quali essi portano la sorgente.
Pochi sanno essere felici; soggiogati dalle passioni,
volta a volta sballottati da onde contastantesi
sopra un mare senza alcuna terra in vista, essi brancolano ciechi:
senza poter resistere, né cedere alla tempesta.
Dio! voi li salvereste togliendo l'illusione dai loro occhi...
Ma no: è compito dell'uomo, creatura di Dio,
discernere l'Errore e guardare la Verità.
La Natura, mediante i suoi veli, ti spiega. Tu che li hai sollevati,
uomo savio, uomo felice, emetti un sospiro di soddsfazione: tu sei in porto!
Osserva le mie istruzioni, rifletti su ciascuna cosa
dopo d'aver posto in alto un'ottima ragione direttrice,
affinchè, elevandoti poi nell'Etere radioso,
Tu divenga immortale, spirito eterno, non più soggetto a morte.


Riduzione di G. Catinella



*

“Non abbiate mai paura dell'ombra. E' li a significare che vicino, da qualche parte, c'è la luce che illumina.”
Ruth E. Renkel

666 999 666999 666999.1 - Esoterismo, la via della Filosofia Ermetica, parlo senza invidia, Magia.
La via dell' illuminazione, gli Illuminati, iniziazione, Iniziati.

Torna ai contenuti | Torna al menu