La Magia, magia bianca, magia nera, Maghi, Mago, Re Magi, imago, Mag.

La Magia, magia bianca, magia nera, Maghi, Mago, Re Magi, imago, Mag. - Esoterismo, la via della filosofia ermetica, Magia, 666, 999, 666999, 666999.1, parlo senza invidia, Illuminati, Iniziati

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Magia, magia bianca, magia nera, Maghi, Mago, Re Magi, imago, Mag.



La Magia.



* * *




La Magia, una porta, non l'arrivo.
La Magia, magia bianca, magia nera, Maghi, Mago, Re Magi, imago, Mag.

All'inizio del mio viaggio, alcuni anni fa, ebbi la fortuna di incontrare una persona che con una sua domanda mi fece riflettere sull'origine delle parole, dato che le parole hanno una nascita ed una vita propria Ti riporto alcuni significati tratti dal dizionario etimologico online, dovrebbero fare un po di luce.

MAGO - màgo = lat. MAGUS dal gr. MAGOS [arab. MADJUS] dall'ant. pers. magu [= zend. môghu) che propr. vale grande (v. Magno). Altri (Schenkl) pensa che riproduca una voce persiana col senso di purificatore, siccome sacerdote del fuoco, e accosta a MAGIDAN purificare: ma probabilmente trattasi dell'identica voce con doppio significato, come farebbe crederlo il sscr. mah-ati, che prop. vale ingrandire e fig. onorare, festeggiare, e poi sacrificare (cfr. il lat. màctare), onde mahant grande accanto a maha festa, sacrifizio, oblazione.
Schiatta meda, la quale come quella di Levi presso gli Ebrei, costituiva la classe sacerdotale nell'antica Persia. I Maghi s'intendevano di scienze e soprattutto di quelle occulte, e quindi erano interpreti de'sogni, medici, negromanti e simili. Oggi dicesi così colui che esercita la superstiziosa arte magica. [Il plurale fa Maghi, a meno che non si parli dei tre re, che vennero d'Oriente a visitare in Betlemme il nato Messia, nel qual caso fa Magi].
   
MAGNO - màgno = lat. MAG-NUS (= lit. MACNUS) che si rannoda alla rad. MAH- = MAG- essere o far grande, che è nel sscr. mah-ant grande, magh-à, mag'-man grandezza, manh-ate è[sser.] grande, felice, mah-ati onora[re] (propr. far grande), e d'onde pure deriva lo zendo mag-a, maç-anh grandezza, il polac. e ant. pers. mag-u, armen. mog, gr. mègas, got. mih-ils, albanes. made per magde grande, nonchè l'a. a. ted. mogan, mod. mögen (= got. magan) potere, mahhôn, mod. mac-hen fare, il lituan. mòk-u, = letton. màk-u, a. slav. mog-a io posso, il gr. mak-ròs lungo, alto, che è quanto dire divenuto grande [cfr. doric. mâhos lunghezza], mêchos mezzo, strumento, màk-ar ricco, opulento, e il lat. màc-tus part. pass. di un ant. verbo màg-o ingrandisco, aumento, màg-is = got. ma-is, ted. meh-er più ecc. Il comparativo di MAGNUS è major maggiore, il superlativo màximus massimo (cfr. Almagesto, Macario, Macchina, Maestro, Maggiore, Magistrato, Mago, Mai, fr. Maire, Maiuscolo, Massimo, Megalomanìa, Molto).
Grande; traslat. Nobile, Cospicuo, contr. di Parvo, Esiguo, Minuto.
Deriv. Magnànimo; Magnàte; Magnífico, Magnitúdine.

MAGI - màgi [mod. pers. muh, mûgh, ebr. mâg (in Geremia), arm. mok mago] = lat. MAGI dal gr. MAGOI, plur. di MAGOS, che tiene al pers. MAGIDAN purificare.
I purificatori o sacerdoti del fuoco, tenuti in grande onore presso i Persiani, in quanto erano essi i ministri della religione, gli educatori dei principi, i maestri del popolo. Nella storia ecclesiastica è il Nome di quei tre re filosofi, che, secondo il Vangelo, guidati da insolita stella si partirono dall'oriente e vennero con misteriosi doni ad adorare in Betlemme il nato Messia.


FUOCO -

IMMAGINE - immàgine e imàgine fr. image; sp. imàgen; port. imàgem: = lat. IMAGINEM quasi IMITAGINEM (come dice Porfirio), o meglio MIMAGINEM, dalla stessa radice del gr. MIMOS imitatore, MIMEOMAI imito (v. Mimo e cfr. Imitare).
Rappresentazione di un oggetto mediante la pittura, la stampa ecc.; Ritratto, Sembianza, Ombra, Spettro, Idea.



* Altri significati e interessanti concetti li puoi trovare nelle note e nel libro L'iniziato di Mark Hedsel.

Pag. 42 La magia ha molto più a che vedere con la conoscenza che con il potere: soltanto chi pratica la magia nera si preoccupa del potere.

Nota 58 a Pag. 398 L’ Ulisse omerico, che era un iniziato, sapeva di certo che i suoi uomini (dei Nostoi) sarebbero stati tramutati in maiali dalla maga di cui era l’amante. Ma lo scopo del mito era
(Anche) mostrare che la magia più alta di Hermes era in grado di opporsi a quella di Circe: dopo tutto fu grazie ai suoi rapporti con la maga che Ulisse ottenne le indicazioni che gli resero possibile il ritorno in patria.




Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date.





La Magia, magia bianca, magia nera, Maghi, Mago, Re Magi, imago, Mag.

“Non abbiate mai paura dell'ombra. E' li a significare che vicino, da qualche parte, c'è la luce che illumina.”
Ruth E. Renkel

666 999 666999 666999.1 - Esoterismo, la via della Filosofia Ermetica, parlo senza invidia, Magia.
La via dell' illuminazione, gli Illuminati, iniziazione, Iniziati.

Torna ai contenuti | Torna al menu